Razzismo e stupidità padana

24/2/2010  LA STAMPA, quotidiano di Torino

 

“Solo cristiani all’asilo comunale”

 

 

 

 

 

 

Mantova, polemica per il nuovo regolamento: bambini discriminati

 



Una scuola per l’infanzia, sì, ma solo per l’infanzia ispirata da una visione cristiana della vita. Il regolamento approvato l’altra sera dal consiglio comunale di Goito, paese del Mantovano guidato da una giunta di centrodestra, è di quelli destinati a far discutere fin dalla premessa, che recita testualmente: «La scuola Angeli Custodi accoglie i bambini regolarmente iscritti dalle famiglie e persegue finalità educative e di sviluppo della loro personalità in una visione cristiana della vita». L’articolo 1 del testo, che prevede le modalità di accesso alla struttura, butta altra benzina sul fuoco: «L’iscrizione avviene previa accettazione del regolamento ed è richiesta dai genitori al Comune di Goito».

Se la si vede come una condizione per poter iscrivere i figli all’asilo, interpretazione che ha fatto saltare sulle sedie i consiglieri dell’opposizione, ne deriva logicamente che per mettere i bambini in quella scuola materna bisogna far propri i principi di un’educazione cattolica. Il capogruppo dell’Unione civica per Goito Franco Casali, del Pd, dice: «La nostra deduzione è che chi non ha una visione cristiana della vita è tagliato fuori, il che è incostituzionale perché quella è una scuola pubblica pagata con soldi del Comune, non una struttura privata. In Consiglio abbiamo cercato di far presente che un’impostazione del genere contrasta con la Carta europea dei valori della cittadinanza e dell’integrazione ma da parte della maggioranza c’è stata una chiusura totale».

Per il sindaco Anita Marchetti, invece, si sta facendo «tanto rumore per nulla: da trent’anni c’è una sezione della scuola comunale che ha per insegnanti delle suore. L’anno scorso abbiamo fatto una convenzione con la curia di Mantova e abbiamo adottato il regolamento della Fism (la Federazione italiana scuole materne riconosciuta dalla Cei che raggruppa le scuole cattoliche). E’ da 30 anni che la struttura funziona con personale religioso, questo regolamento disciplina una situazione di fatto». E se qualcuno non condivide l’impostazione cristiana che fa? Manda i figli altrove?
(Articolo di Franco Giubilei)

 

 

 

 

                                                                      

 

                                                                         

 

                                                                   COMMENTO

 

La parola, di origine greca,  cattolico  vuol dire universale, e venne adottata, nel 325 d. C.,  dai padri conciliari del concilio di Nicea (località che si trova nell’attuale Turchia) per indicare una caratteristica essenziale della Chiesa cristiana: la Chiesa di Cristo è di tutti e per tutti. Quindi è cattolico non chi fa il presepe, o vuole il crocifisso appeso alle pareti scolastiche, oppure grida: “Viva il papa”, o gli si inginocchia davanti, ma chi riconosce che il Vangelo è per tutti e non fa distinzione fra popolo e popolo.

 

Questo è ciò che dice il vescovo di Pinerolo Piergiorgio Debernardi, che commentando la notizia, che ho riportato, così dichiara: “Discriminare in base al credo è quanto di più lontano possa esserci dall’insegnamento della Chiesa”. E aggiunge: “A guidare l’azione degli amministratori pubblici deve essere la giustizia e l’integrazione e non l’uso pregiudiziale e ideologico per fini di bottega politico-elettorale di questioni che toccano la vita quotidiana delle famiglie”.

 

 

 

 

Mi fa molto piacere che una autorità ecclesiastica abbia apertamente denunciato l’anticattolicità della decisione del consiglio comunale di Goito, a maggioranza PdL e Lega; però avrei preferito che questa denuncia fosse venuta dal vescovo di Mantova. E mi piacerebbe ancora di più  che le suore stesse , che insegnano in quella scuola, dopo la decisione del consiglio comunale, si rifiutassero per coerenza con la loro fede religiosa cattolica di proseguire il loro insegnamento in detta scuola.

 

 

Questa vicenda è un esempio che molto chiaramente ci fa conoscere quanta falsità, ipocrisia, ignoranza, opportunismo ci siano in tanti ambienti e in  tante persone che si dichiarano cattoliche. Sarebbe ora che Vaticano e autorità ecclesiastiche italiane dichiarassero apertamente l’anticattolicità di tanti politici che si dichiarano cattolici e in particolare della Lega, invece che rimanere silenziosi. Anche perché il silenzio può essere interpretato come assenso o consenso.

 

Razzismo e stupidità padanaultima modifica: 2010-02-26T12:24:00+01:00da frondeverdi
Reposta per primo quest’articolo

20 pensieri su “Razzismo e stupidità padana

  1. PER INSERIRE UN LINK NELLA DARRA LATERALE : APRI LA PAGINA PRINCIPALE DEL TUO DOMINIO , IN ALTO , DOVE CLICCHI PER UN NUOVO POST , VDI CHE PIU’ IN LATO , TROVO LA SCRITTA PRESENTAZIONE , CLICCA SU PRESENTAZIONE , POI SU CONTENUTO DELLE BARRE LATERALI E FAI SCORRERE IN FONDO ALLA PAGINA , TROVI INSERISCI NUOVO ELEMENTO . IN FONFO , SCRITTO IN AZZURRO , TROVI VARIE OPZIONI TRA CUI INSERISCI UN LINK , SCEGLI QUELLA E SEGUI LE ISTRUZIONI .
    .
    GRAN BEL POST IL TUO , LA CHIESA CATTOLICA E’ SOGGETTO POLITICO IN ITALIA , NON SI SCHIEREREBBE MAI CONTRO UNA PARTE POLITICA , PER NON RISCHIARE DI PREGIUDICARSI , L’ OPPORTUNITA’ DI INCIDERE SU DI ESSA .
    .
    UN GRANDE SALUTO ……………. HO APPENA FATTO UN NUOVO POST …………………… WAR…… GUERRA SANTA .

  2. Ciao Antonio ,non so ,non mi sembra giusto imporre un vincolo per poter iscriversi ad una scuola materna ,ma è un unico asilo o ci sono alternative non prettamente cattoliche ??? Comunque non mi sembra giusto l’asilo è comunale e non dovrebbe esserci nessun vincolo religioso .
    Questo è il mio modesto parere 🙂
    buon week end
    baci
    kicca

  3. Caro Amico!! Com’è vero che il cristianesimo è ben diverso dal culto professato da troppi nelle chiese. Vivere a Roma fa molto pensare in merito. Se ci pensi bene il pensiero base di ogni fede è una forma di socialità della condivisione e del rispetto, quello che ne deducono gli uomini diventa una forma di potere.
    Poche volte ho avuto a che fare con microcefali del tipo leghista integralista, mi ci sono scontrata duramente ed ho ottenuto l’abbandono della lotta ma non la resa. Sono pericolosi, vanno ghettizzati. Ciao, Buona settimana, Anna

  4. Antonio ,io ho 34 anni e credimi se ti dico che la vita è stata molto avara con me ,ma infondo infondo ci spero sempre ,ti ringrazio per l’augurio che mi fai ,spesso mi chiedo cosa sia la felicita’ …un volta qualcuno ha cercato di spiegarmelo e ho iniziato a vedere le cose diversamente ,adesso invece di andare a caccia dell’impossibile volo basso e mi accontento delle piccole cose …..almeno ci provo 🙂
    Sei sempre gentilissimo con me ,lo apprezzo tanto .
    ricambia senza timore , queste sono piccole gioie ,godiamocele ,non posso far male .

    buona serata
    kicca

  5. …proprio l’apertura a tutti del cristianesimo distingue questa religione da altre, chi si ostina ad opporsi ai differenti in nome del cristianesimo non ha capito un emerito c…o!…si appellino ad altro che sia più coerente con le loro ragioni e sarò disposto a stimarli…le scuole pubbliche sono di tutti, quelle private fanno ciò che gli pare…
    buona settimana

  6. Ciao Frondeverdi e buona settimana a te!! Anche io ho trattato questa notizia è, purtroppo, la discussione per alcuni versi non è stata piacevole. A parte il vincolo “formale”, ossia quello di una scuola pubblica che non può fare dei distinguo o mettere dei paletti alle iscrizioni, c’è anche quello sostanziale che molti non comprendono: discriminare, per giunta in nome di una religione, per giunta quella cattolica che professa tutt’altro, non è umanamente possibile!!

    Invece, dalle discussioni emerge tutt’altro e la “sparata” di quel pazzo di Gheddafi, di pochi giorni fa, non fa che rinforzare certe convinzioni!! Purtroppo, non vedo come se ne potrà uscire da certe contrapposizioni!!

    Per il resto, ti ringrazio per i sentiti commenti lasciati!! Credo che siamo in molti a “riflettere” su religione, Chiesa e Stato e senza nulla togliere al valore di ognuno, credenti, Stato Vaticano e Stato italiano, sono convinto che ognuno dovrebbe svolgere i suoi “ruoli”.

    Oggi, è un’altra giornata “importante”… vedremo che risultati potrà offrire!!

    Infine, il tuo ciclamino…. non hai buttato via anche la signora??? (rido!!!!)

    Complimenti per la nuova scelta: l’azalea è una splendida acidofila che con poche cure ti darà fioriture fino a ottobre prossimo!! Mi raccomando l’esposizione, da questo mese concimazioni mensili per acidofile e, infine, irrigazioni costanti ma non abbondanti… ma che stò dicendo, ti sarai già documentato!!!!

    Buona giornata a te e ciao!!!

  7. Ci riprovo a commentarti . Per ringraziarti , soprattutto , del commento al mio post e per dirti che qualcuno , anche qui , pensa che discriminare in base al credo è quanto di più lontano possa esserci dall’insegnamento della Chiesa. « E’ “scandalo” mettere il crocifisso sul muro di una classe , vuol dire ridurlo a mero “simbolo” di una cultura, vuol dire snaturarlo», ha spiegato Don Farinella. «Oltretutto la decisione di mettere il crocifisso a scuola – ha proseguito – è figlia del Fascismo. Ed oggi un Governo indegno, che parla del crocifisso e non rispetta i diritti dei disperati che arrivano nel nostro paese chiedendo asilo, utilizza la questione per fini meramente mercantili: i veri cattolici dovrebbero ribellarsi». Ti auguro una buona note ! wally

  8. Sabato 6 Marzo a Milano ci sarà una grande manifestazione contro il razzismo, il No Razzismo Day. Una manifestazione per affermare con forza che l’unica razza esistente su questo pianeta è quella umana. I canali ufficiali di informazione non hanno dato nessuno spazio all’iniziativa, e sono quegli stessi che ogni giorno presentano gli stranieri come la causa di tutti i mali che affliggono il nostro paese. Vi chiedo di farvi portatori di questa causa diffondendo il più possibile la notizia ad amici e conoscenti.

    Un sentito ringraziamento al Blog AURORA per la collaborazione.

    [Ciao Carlo]

  9. Grazie Antonio …dico davvero!!!!
    Mi fai sembrare cosi speciale che quasi quasi ci credo anche io ,non ho nessuna intenzione di dissuaderti pero’ ,sei libero di pensare cio’ che vuoi ….so che saranno sempre (spero ) cose bellissime .

    baci baci
    kicca

    p.s. su una cosa non sbagli ,i miei sentimenti sono immensi ,ho un solo difetto
    lo sono nel bene cosi come nel male …….

Lascia un commento