LE RONDE

In realtà sarei contento se le cose stessero come è scritto nella filastrocca che segue, piuttosto che le RONDE diventino delle squadracce di picchiatori, come già alcuni temono.

 

                        E Maroni li accontenta / e così le ronde inventa

                              (il vero motivo della creazione delle ronde)

 

 

 

 

L’uomo maschio della Lega

al piacere non si nega,

e, si sa, lui usa andare

nelle notti a stragustare

 

delle lucciole il piacere;

e le mogli trattenere

dentro casa il lor padano

non potevan: niente strano!

                                                

                                                                 Or, però, approfittando

che il delitto dilagando

sta in Padania e pure altrove

alla sera alle ore nove

 

il marito stradeluso

dentro casa l’han rinchiuso

e gli dicono affettuose,

(ma per lui che fastidiose!):

 

“Resta a casa, o mio padano,

qui con me man nella mano

perché nella notte fonda

ogni crimine ora abbonda”.

 

Così i poveri mariti

tristi ed anche inviperiti

nelle case restan chiusi

a guardar cupi e confusi

 

in TV quelle stronzate

ogni sera propinate

da quel Silvio truffatore

dell’Italia imbonitore.

 

Ma si stancano i padani

dover fare i puritani,

e i leghisti disperati

da Maroni sono andati:

 

 

“Troppo abbiam’ le palle rotte,

rivogliamo le mignotte”.

E Maroni li accontenta

e così le ronde inventa.

 

“Voi di notte or uscirete

e le ronde voi farete

contro i crimini violenti

di stranieri delinquenti”:

 

E’ presente ora un pretesto

affinchè il padano lesto

possa ancor di notte andare

le sue lucciole a trovare:

 

lui guerriero delle notti,

che i maroni aveva rotti,

se ne tornerà felice

dalla sua passeggiatrice

 

mentre dice: “Io son la RONDA

contro il crimine ch’abbonda,

se di notte son presente,

fugge via il delinquente”

 

Che faranno le padane,

sian giovani o befane,

or che i loro bei mariti,

ronde di guerrieri arditi,

 

con le lucciole estasiati

stan di nuovo ed abbracciati?

Che sia bianco oppure nero

chiameranno uno straniero

 

ben più macho del marito

un padano rammollito,

e per farselo carino,

se lo metteran vicino

 

nel matrimoniale letto

per provar giusto diletto;

e’ l marito fuori resta

con le lucciole a far festa.

 

 

Aggiungo ancora una-mail, che mi è stata mandata, sempre in tema di “RONDE”:

“Tra pochi anni, finito il rodaggio, in Sicilia e Campania saranno le ronde a riscuotere il pizzo per conto di mafia e camorra.
Si accettano scommesse.”

LE RONDEultima modifica: 2009-02-25T18:56:00+01:00da frondeverdi
Reposta per primo quest’articolo

6 pensieri su “LE RONDE

  1. ti ricordi la canzone di paolo Conte “Onda su onda” ? L’ho leggermente modificata..
    Che notte buia che c’è.. porco di qua.. porco di là…
    che acqua gelida qua, nessuno più mi salverà…
    siamo nella merda siamo
    mentre tutto è buio..

    Ronda la ronda
    Vedrai che arriverà
    Sono ancor viva e
    in balia di una sorte bizzarra e cattiva…
    ronda, la ronda
    si sta allontanando ormai
    la vedo una lucciola persa nel blu…
    mai più mi salverò…

    Caz.. Mi sono accorta
    Che c’ho la pila intasca e..
    E posso andare fin laggiù..
    Si vado .. ma non importa..
    …..
    Da quì ho perso l’ispirazione
    Ciao…Anna

  2. Oltre ad Andreotti che tu citi , anche Pisanu , pure lui democristiano doc , intervistato da nonsopiùchi , ha detto le medesime cose , in modo ancor più fermo : ” … il governo non deve entrare nella stanza del dolore … ” . Che mi sembrano parole di grande buonsenso . Buona giornata ! wally

  3. Carissimo amico,
    un grazie sincero per il tuo apprezzamento.
    Sappi che anch’io apprezzo tantissimo i tuoi post, le tue poesie e il tuo prezioso impegno nella battaglia per un mondo migliore.
    Auguro anche a te dei giorni belli come li vorresti tu.
    Un caro saluto
    Flavio

  4. weeeeeeeeeeeee desmooo ecche diamine come lki definisci i cuty angels? e i metronotte che fanno i passaggi a controllare kle ville isolate come li definisci? ma perchè non capite queste semplici realtà? insomma avanti come vuoi che possano trasformarsi in picchiatori? tanto ci sono già le squadre di picchiatori

  5. Ancora e’ fresco nei Balcani il sangue di coloro che furono trucidati dai  secessionisti, i quali, tramite   le ronde, delimitarono e pattugliarono il territorio, intimidirono chi  secessionista non era e scrissero a pochi chilometri dal nostro confine, una delle pagine più animalesche e feroci della storia contemporanea europea.
    E’ scritto nei manuali dei secessionisti che l’ atto primario e fondamentale per preparare la secessione di un territorio è disporre sullo stesso di una propria capillare organizzazione che abbia potere di controllo e di intimidazione verso la cittadinanza senza che le Istituzioni si oppongano.
    I secessionisti del Nord Italia  hanno già pronte le proprie ronde e compiranno una determinante svolta nella strategia secessionista se passerà la legge che darà ai Sindaci dei Comuni da loro controllati il potere di organizzarle, di dar loro direttive e di retribuirle a spese della Comunità.
    Si ripete la stessa tragica sottovalutazione che fece proliferare le “camicie nere”, allorquando i socialisti, che stavano cacciando a pedate dalla città di Livorno le “camicie nere” furono richiamati dalla cecità politica di Bordiga ed invitati a ritirarsi ed a prendere legnate piuttosto che mettersi al livello dei picchiatori fascisti.
    E’ storicamente acclarato che i fascismi senza il supporto intimidatorio delle ronde partitiche non avrebbero avuto modo di affermarsi, come le secessioni balcaniche non sarebbero state possibili se si fosse impedito ai secessionisti di autoinvestirsi di potere poliziesco in violazione delle più fondamentali leggi democratiche dello stato di diritto.
    I difensori delle Istituzioni repubblicane sono a perfetta conoscenza che il Parlamento è pieno di secessionisti e che  del  Governo fanno parte personaggi che odiano e disprezzano l’ Italia Unita, promettendo da anni  ai propri iscritti  una loro nazione liberata e staccata dal resto dell’ Italia, irridendo l’ articolo 241 del codice penale che prevede 30 anni di galera per chi attenta all’ unità nazionale.
    Le ronde senza identità giuridica, al servizio dei Comuni ad orientamento anticostituzionale, porteranno ad abusi, persecuzioni e violenze senza che i cittadini possano difendersi.
    Francesco Miglino
    segretario del Partito Internettiano.

Lascia un commento