Due poesie

Nelle acque di Giannutri

Nell’acque proïbite il presidente

Gianfranco Fini s’era inabissato.

Ognuno dei pompieri lì presente

l’immersione di lui aveva lodato.

“Ma presidente, dire lo dobbiamo,

lei è davvero un sub eccezionale!”.

“Via – dice Fini – non esageriamo,

sono soltanto poi un sub-normale”.

È polemica su Gianfranco Fini, dopo la denuncia di Legambiente a cui sono giunte ieri delle foto che ritraggono alcune persone su una barca dei Vigili del Fuoco, tra cui sembra di riconoscere il Presidente della Camera e la sua compagna, intenti a fare immersioni in un tratto di mare vietato, di fronte a Giannutri. Legambiente ha scritto una lettera al presidente del Parco Nazionale dell’arcipelago toscano, Mario Tozzi, per chiedere se ci sia stata un’autorizzazione formale dell’ente, che peraltro, fanno notare da Legambiente, viene rilasciata molto di rado e solo per motivi scientifici.

“Nel pomeriggio del 26 agosto — si legge nella lettera di Legambiente — nella Zona 1 a protezione integrale davanti alla costa dei Grottoni a Giannutri, è stato notata da nostri soci una imbarcazione dei Vigili del Fuoco, in navigazione e stazionamento, che prestava a quanto pare anche assistenza a subacquei dotati di autorespiratori, in un’area interdetta dal Decreto del Presidente della Repubblica istitutivo del Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano e dalla legge 394/91 a qualsiasi attività che non sia di carattere scientifico o per dirette esigenze dell’Ente Parco.

Tra le persone che hanno partecipato alle immersioni sembra ci fosse anche un noto politico italiano che occupa una delle più alte cariche istituzionali della Repubblica Italiana.

 

 

                                                                   Federica e la formica

Nel giardin con un’amica,

nel gran caldo che affatica,

mentre guarda una formica

camminare con fatica

su una bella statua antica,

viene punta Federica

dalla pianta dell’ ortica.

Non si lagna Federica,

anzi mostra alla sua amica

una nera e snella pica

sorvolar  senza fatica

un grossa ed alta bica.

Dice allora Federica

rivolgendosi all’amica:

“Hai veduto quella pica?

E’ una mia grande amica,

ma, purtroppo, sta nemica

 della piccola formica.

Ma io ho detto a quella pica

che se non diventa amica

della piccola formica

non sarà più una mia amica:

io non voglio che la pica

faccia male alla formica

anche lei mia grande amica”

Giunge intanto zia Enrica

che dà un bacio a Federica,

ma regala alla sua amica

una splendida rubrica

fabbricata in  Costarica.

Dopo avere Federica

salutato e la sua amica

s’allontana zia Enrica,

In quel mentre la formica,

scesa dalla statua antica,

dà un gran morso a Federica.

“Che il Signor ti benedica

e nessun ti maledica,

ma perché, perché formica”

dice allora Federica

“morsicasti una tua amica?”

“Beh se vuoi che te lo dica”

dice allora la formica

“ero stufa, o Federica,

di star sulla statua antica;

per cambiar volli l’ortica

del mio morso, o Federica,

far sentire ad una amica.

E se vuoi che tutto dica,

ebbi invidia ch’alla amica

tu mostrassi quella pica

e ignorassi me formica”.

E’ confusa Federica,

ma poi va da zia Enrica

che le dà della mollica.

Torna in fretta Federica

e regala alla formica

tutta quanta la mollica,

perchè lei non vuole mica

che digiuni la formica.

Con gran gusto la formica

mangia tutta la mollica

e ringrazia Federica.

Poi, in men che non si dica,

torna sulla statua antica,

nel gran caldo che affatica.

EPILOGO

Se chiedesse poi qualcuno

qual messaggio sta nascosto

nelle rime ch’ho composto,

gli dirò: prorpio nessuno.

C’è il piacere solamente,

che infantile forse pare,

di volere rime fare

poste in versi attentamente.

 

Due poesieultima modifica: 2008-09-08T15:55:00+02:00da frondeverdi
Reposta per primo quest’articolo

7 pensieri su “Due poesie

  1. Quanto è onesta la fatica
    di rimare per parlar della formica
    arte onesta e non lubrica
    la poesia è nostra amica
    vale un verso la fatica
    di scovar la rima e la mollica
    ma scampami almeno dall’ortica
    salutami infine Enrica e Federica
    e con loro ogni amica
    e che Dio ti benedica.
    Cristiana

Lascia un commento