Paese che vai, usanza che trovi

 

 

 

 

Paese che vai, usanza che trovi

 

 

In Irlanda, sarà un mese fa,
le proprie dimissioni il premier dà
unicamente perché è indagato
di corruzione, ma non condannato.

In Italia uno che ha guai con la giustizia
se ne frega e vive in gran letizia
perché lui per più reati indagato
a capo del governo è nominato.

Paese che vai, usanza che troviultima modifica: 2008-04-24T11:35:00+02:00da frondeverdi
Reposta per primo quest’articolo

5 pensieri su “Paese che vai, usanza che trovi

  1. E’ vero e condivido. Ma per fare Pulizia, basterebbe che – come negli USA – ogni deputato o senatore, depositi prima della elezione la lista dei propri averi, delle entrate e degli immobili e quant’altro consenta, a fine mandato, di fare un controllo sugli incrementi avvenuti !
    E allora non solo il Presidente del Consiglio dovrebbe essere messo fuori, ma tanti altri, arrivati poveracci e uscitti ricchi ! O NO ? Chi condivide ?
    http://www.nirmalanagar1994.it
    Grazie
    by mr greco

  2. Bè in Italia si è visto anche fare un uso strumentale della Magistratura e penso che di casi negli ultimi 50 anni se ne sono visti a migliaia. Detto questo se uno è indagato non significa che è colpevole, anzi finchè una persona non è condannata in terzo grado può ricoprire una carica pubblica. Ciao, Guido.

  3. Sicuramente come dice Guido, se in Italia esiste una giustizia garantista nulla può obbligare indagati a dimettersi…certo di per se stessi potrebbero farlo…ma in Italia una simile disponibilità aprirebbe il fianco a quintali di avvisi di garanzia. Una giustizia più rapida aiuterebbe il tutto.
    In risposta al tuo commento:
    Dico che devono completare la pena, lo intendo soprattutto per chi ha commesso reati gravissimi, gente che difficilmente potrebbe essere intenzionata a farsi reintegrare nella società. In URSS usavano dire che le condanne andavano fermate al limite massimo di 15 anni…perchè superata tale soglia c’era la condanna a morte, giustificata dal motivo che chi commette reati orribili non può essere recuperabile…un pò tassativo,ma condivisibile (da me, ovvio).
    Buon w-end, Giorgio.

  4. Ciao Giorgio, grazie del commmento, ma non sono d’accordo per la pena di morte
    Ciao Guido. Anzitutto grazie del commento. Però non sono del tutto d’accordo con quello che mi scrivi. Accetteresti che un terrorista o un pedofilo condannato in primo grado ricopra cariche pubbliche?
    E se l’imputato pur riconosciuto colpevole non viene punito perché è intervenuta la prescizione, è opportuno che ricopra cariche pubbliche?

I commenti sono chiusi.