Crimini di guerrra

D’Alema dichiara che le azioni militari americane in Afghanistan sono di  “rischio per le popolazioni” come è testimoniato dalle vittime civili “inaccettabili sul piano morale”. Subito viene  bacchettato (con la solita arroganza di chi si ritiene padrone del mondo e detentore di un modello di civiltà da imporre a tutti e con qualsiasi mezzo) dal portavoce del Pentagono Todd Vician con queste parole: “D’Alema attribuisce le morti civili a Enduring Freedom, mentre a causarle sono i Talebani, che si fanno scudo dei civili”. Poco dopo il concetto tipicamente nazista, che è lecito, o magari doveroso, massacrare popolazioni inermi e innocenti al fine di eliminare i nemici, viene ribadito da Sean McCormack, portavoce della inqualificabile Condoleezza Rice, con parole quasi identiche: “Le vittime (delle operazioni militari americane) sono causate dai Talebani che colpiscono nascondendosi dietro obiettivi civili”.

Dunque con le loro stesse parole governanti e militari USA si riconoscono criminali di guerra: infatti, anche se fosse vero che i Talebani si fanno scudo dei civili, sono pur sempre gli americani che massacrano le popolazione afgane, che ipocritamente essi dicono di voler liberare.

 

( Ho preso la notizia del contrasto tra D’Alema e governanti americani da LA STAMPA quotidiano di Torino 26 luglio 2007, pag. 16, nell’articolo stupidamente e ingiustamente intitolato: D’Alema scivola sull’Afghanitan).

Crimini di guerrraultima modifica: 2007-07-31T18:37:32+02:00da frondeverdi
Reposta per primo quest’articolo